venerdì 10 giugno 2011

Che ozio il matrimozio

Questo è stato l'anno del matrimonio per eccellenza: per tutto l'anno non abbiamo sentito parlare che di Kate e William, diete, sbiancamenti di denti, vestiti, cappelli e cappellini, totostilisti eccetera, in un'isteria collettiva che ha danneggiato ancora di più la già fragile condizione mentale della donna media con aspirazioni principesche.
Perché se devi passare il resto della vita con uno che somiglia a William o al cavallo di Cenerentola stempiato- che praticamente è il suo sosia - ma che non ha i soldi neanche per offrirti una pizza e una birra, almeno il giorno del tuo matrimonio dev'essere sfarzoso, perfetto e pacchiano come quello di una favola. 
E allora vai giù con le carrozze, i cavalli, gli strascichi, l'orchestra, 7 wedding planner rigorosamente omosessuali che costano un occhio della testa ma sono tanto raffinati, roba che i vostri genitori devono prendere un mutuo solo per il bouquet di fiorellini che crescono solo sulla vetta dell'Hmalaya e il vestito disegnato su misura per voi da Elton John e Valentino sotto supervisione di Lady Gaga in persona. 
Poi naturalmente c'è la preparazione: certo il vostro lui vi ama come siete, ma non potete sopportare di andare così come siete alle vostre nozze, sarebbe orribile!  È per questo che un matrimonio va organizzato dai 2 ai 5 anni prima (a seconda del grado di megalomania della coppia e della cozzaggine della sposa): tra la dieta dimagrante, il personal trainer, la riduzione o il rigonfiamento della puppa, le extension, il ritocchino alla gobba del naso o al malleolo irregolare e il tempo impiegato a convincere Gennarino vostro che siete proprio voi, Mariafranca sua, non rimane molto tempo per assaggiare le ottocentotrentasette pietanze al ristorante, far disegnare le partecipazioni, scegliere gli abiti adatti per tutte le vostre damigelle e via discorrendo. 
Insomma, una faticaccia enorme per poi mostrare orgogliosamente il vostro album: millenovecentotrentasette immagini con effetto fluo di voi che accarezzate la tendina di casa, il vostro sguardo rivolto alla finestra mentre pensate a lui (provate a digitare bride at the window su google), il taglio della torta, il lancio del bouquet da ventisettemila euro, il taglio della cravatta e infine voi due sulla spiaggia o in altro locus amenus, sempre con l'effetto fluo tanto caro ai fotografi.
Ora, come saprete io non sono pigra ma sono per il risparmio energetico, quindi vi racconterò il mio di matrimonio: il matrimonio per chi si vuole sposare domani e mangiare bomboloni fino al giorno prima, che non si vuole stressare (ma le avete viste certe spose con la congiuntivite o gli sfoghi nel loro grande giorno perché stavano, passatemi il termine, sclerando come delle squilibrate mentali fino al giorno prima?); insomma un matrimozio. Il vestito l'ho visto su un sito e il giorno dopo l'ho comprato misurandolo una sola volta, gli anelli erano gli unici ad entrarci (abbiamo il ditone), il bouquet era un'insalata, biologica ma pur sempre insalata e a parte ordinare due dolcetti e comprare dei baffi finti per fare le foto non abbiamo fatto nulla, anzi sono arrivata a casa a mezz'ora dalle nozze per prepararmi e non ho neanche stirato i pantaloni di Lorenzo, il che direte voi come inizio del matrimonio non è male. 
Ovviamente non avevamo nessuna pretesa di essere originali, di matrimoni alternativi in America ne hanno talmente tanti che non ne possono più, come potete leggere qui, però ci siamo divertiti tanto senza fare sforzi e modestamente parlando il puledro reale e la sua legittima compagna ci fanno una pippa (ogni riferimento alla damigella più famosa del mondo è una pippa mentale).
Ora vi lascio alle immagini del matrimozio, vegano ovviamente.










13 commenti:

  1. prima cosa siete bellissimi, secondo l'idea dell'insalata come bouquet credo MOLTO più avanti me la riciclerò :D
    io pensavo a una cerimonia superveloce in comune e poi via a fare un picnic su prato!
    il tutto essendo entomofobica,ma potrebbe dare divertimento agli invitati,quel tocco di brio ecco.
    il vestito è uno spettacolo! viva i matrimozi e congratulazioni :D

    RispondiElimina
  2. Ah ah, siete due idoli! Congratulazioni e complimenti per il vostro matrimozio.

    RispondiElimina
  3. Claire, le foto del tuo matrimonio sono una delle cose più fighe che abbia mai visto.
    Lo sai che ho riaperto piùe più volte il tuo album su fb? Lo sai che è il più bel matrimonio che abbia mai visto?
    Ti adoro!
    love
    s

    RispondiElimina
  4. @Morena: bello il picnic, ottima idea.
    @Elisa, grazie mille!
    @Simo se me lo dici tu mi sento ancora più lusingata visto che sei un'esperta :-). La cosa bella è che anche per le foto non si è organizzato nulla ma, per puro caso, tutti i 4-5 invitati avevano una macchina fotografica e hanno scattato esattamente le foto che avrei voluto io: particolari, espressioni spontanee, rubate. Ti adoro anche moi, fatti viva che si va a fare un birrino.

    RispondiElimina
  5. bellissimo tutto, dalle foto al vestito e ovviamente gli sposi ;) congratulazioniiiiii
    appena ho stirato la mia stupenda maglietta Eat Different ti mando (finalmente) la foto!bacio

    RispondiElimina
  6. Auguri!!! quando ho visto le foto su fb non pensavo ad un matrimonio vero! poco fa ho sentito VAL che mi ha comunicato la novella!!! :)
    Avete fatto bene, niente stress, divertimento e allegria! Auguroni!!!! ma concertino poi? come sono andati i festeggiamenti?

    RispondiElimina
  7. @Anto, per festeggiare abbiamo solo mangiato e poi siamo andati in un ristorante vegan, solo che purtroppo non servivano alcol (non credo per motivi salutistici perché le pietanze erano frittissime) però aspetto di tornare in Sardegna per fare l'addio al nubilato posticipato!

    RispondiElimina
  8. Auguriiii! Sono felice di potert leggere di nuovo, sei troppo forte!
    Berlinora

    RispondiElimina
  9. scopro ora il tuo bellissimo blog, in tempo per farti gli auguri! :)

    RispondiElimina
  10. ciao, finalmente sei tornata dopo la latitanza americana, che bellezza! auguri per il matrimozzio (anche io ci son capitata meno di due anni fa, non ero incinta, la prima nana ha un anno e tra 2 mesi nasce il secondo nano. no, non siamo ciellini solo un po' disattenti...) in bocca al lupo per le magliette e che ne dici di inserirti al veganch'io che si fa qui in brianza a settembre? sì dai così ti conosco!
    bello il blog, mi piace molto!
    io tengo corsi vegani e vegetariani, ti linko il mio sito:
    www.cuocamattarella.it

    greta

    RispondiElimina
  11. @belinora e viola grazie mille
    @Greta al veganch'io non accettano espositori ma solo associazioni, ma se riesco a venire da quelle parti ti faccio un fischio :-)
    Carinissimo il sito, complimenti!

    RispondiElimina
  12. ..e allora..
    VIVA GLI spOZI!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...